mercoledì 23 marzo 2011

Steno – Biografia

E' stato uno dei nomi più popolari della commedia italiana: regista, sceneggiatore e, in origine, vignettista.

(Roma, 19 gennaio 1915 – Roma 13 marzo 1988)



Steno, nome d'arte di Stefano Vanzina, è stato figlio di Alberto, giornalista italiano emigrato in Argentina e morto quando il figlio aveva appena 5 anni. Nonostante le difficoltà familiari, Stefano frequenta la facoltà di Giurisprudenza, ma l'abbandona senza laurearsi. Si iscrive allora all'Accademia di Belle Arti dove si diploma come scenografo e subito dopo entra nell'appena nato Centro Sperimentale di Cinematografia: qui incontra alcuni degli artisti più importanti del cinema italiano tra cui Alida Valli, Luigi Zampa, Michelangelo Antonioni. Nel frattempo, comincia a disegnare vignette e caricature che firma con il soprannome di Steno, soprannome che lo accompagnerà per tutta la vita. Grazie al suo lavoro come vignettista approda nella redazione di “Marco Aurelio”, giornale umoristico romano nelle cui file figurano artisti del calibro di Federico Fellini e Marcello Marchesi. Nel frattempo scrive anche copioni per spettacoli teatrali e radiofonici.

Grazie al regista Mario Mattioli, a Steno vengono aperte le porte del cinema: comincia a realizzare sceneggiature cinematografiche e a lavorare come aiuto regista. Nel dopoguerra, Steno comincia a collaborare con Mario Monicelli: scrive le sceneggiature di “Totò cerca casa” (1949) e “Guardie e ladri” (1951), che si rivelano essere degli ottimi incassi al botteghino.

Il primo film di Steno come regista è “Totò a colori” (1952): secondo film italiano a colori dopo il cartone "La rosa di Bagdad", una vera e propria raccolta dei migliori sketch teatrali di Totò, con le celeberrime battute: "Ma mi faccia il piacere" e "Io sono un uomo di mondo, ho fatto tre anni di militare a Cuneo!". Da lì in poi dirigerà ben 64 pellicole, con un sempre ottimo successo di pubblico, diventando uno dei capisaldi della commedia italiana. Nella sua ricchissima filmografia ci sono cult come “Un giorno in pretura” (1953), “Un americano a Roma” (1954), “Susanna tutta panna” (1957), “I tartassati” (1959), “Letto a tre piazze” (1960), “La polizia ringrazia” (1972), la serie di Piedone con protagonista Bud Spencer, “Tango della gelosia” (1981).

Nella sua ricchissima filmografia ci sono cult come “Un giorno in pretura” (1953), con un cast eccezionale: Peppino De Filippo, Alberto Sordi, Sophia Loren, Walter Chiari, Maurizio Arena, in cui nasce il personaggio detto "l'americano", interpretato da Sordi, e che ritorna nel celeberrimo “Un americano a Roma” (1954), da cui tutti ricordiamo la scena, ormai leggendaria, del piatto di pasta con la battuta: "Maccarone, m'hai provocato e io me te magno!", entrata a far parte della cultura popolare italiana. In “Susanna tutta panna” (1957) una prorompente Marisa Allasio è protagonista di scenette surreali e quasi demenziali, come la recita dell'Amleto con le torte in faccia; in “I tartassati” (1959) Steno ritrova la grande coppia Totò-Aldo Fabrizi, in cui il primo è un commerciante che evade il fisco e il secondo un maresciallodelle finanza che vuole incastrarlo: siamo dalle parti di "Guardie e ladri" e Steno lascia carta bianca alla mitica coppia che si scatena in una gara fino all'ultima battuta. In “Letto a tre piazze” (1960) invece, Steno dirige un'altra celebre coppia: Totò e Peppino, in cui il primo è il terzo incomodo per il matrimonio del secondo. “La polizia ringrazia” (1972), unico film che Steno ha firmato con il suo vero nome, si ispira invece al film "Ispettore Callaghan: il caso Scorpio è tuo", e vede come protagonisti i grandissimi Enrico Maria Salerno e Mariangela Melato, e il film è considerato il primo poliziottesco italiano.

Vero e proprio cult del regista rimane però l'indimenticabile "Febbre da cavallo" (1976): un cast di grandissimi talenti come Gigi Proietti, Enrico Montesano, Mario Carotenuto e Catherine Spaak danno vita ad una commedia grottesca, infarcita dell'irresistibile cialtroneria romana, che parla dei vizi degli italiani e dell'arte tutta nostrana "dell'arrangiarsi". Un classico, che ha dato origine all'espressione, ormai entrata nell'uso quotidiano, "fare una mandrakata".

Altro filone ricchissimo e assai popolare è la serie di Piedone con protagonista Bud Spencer, in cui l'attore interpreta il mitico poliziotto Rizzo, le cui avventure, sempre piene di lotte a mani nude, si svolgono in tutto il mondo, perfino a Hong Kong.

Infine, come non ricordare “Tango della gelosia” (1981), con la strana ma irresistibile coppia Monica Vitti-Diego Abatantuono, in cui la Vitti cerca di far ingelosire il marito distratto inventandosi una relazione con il bodyguard interpretato da Abatantuono.

Sposatosi con Maria Teresa Nati, ha avuto da lei due figli: Enrico e Carlo Vanzina, oggi entrambi nel mondo del cinema, e creatori dei popolarissimi ‘cinepanettoni’.

L'ampia filmografia di Steno abbraccia più generi, dal poliziesco al demenziale, con un gusto del cinema popolare e sincero, che piaceva sia al pubblico che ai produttori, da cui traspare la voglia di fare cinema per il piacere di farlo e di farlo nel miglior modo possibile, con ogni mezzo a disposizione. Nei suoi lavori, grazie ai quali ha collaborato con molti dei più grandi talenti del cinema italiano, da Totò ad Aldo Fabrizi, passando per Alberto Sordi, Ugo Tognazzi e Monica Vitti, c'é sempre un'ironia pungente e dissacrante, uno sguardo disincantato che, senza moralismi e senza giudicare, ha disegnato un ritratto onesto della società italiana e del suo mutamento nell'arco di 30 anni, dagli anni '50 agli '80.

Pubblicato su Ecodelcinema.it

9 commenti:

  1. Ecco, in questo caso proprio non si può dire 'Tale padre, tali figli'... a volte anche i proverbi 'toppano'! :-) per non parlare poi di Vittorio De Sica...

    RispondiElimina
  2. Bella biografia dalla quale si capisce che sei nata a Roma.......:)
    io sono in un periodo particolare della mia vita in cui sto guardando la commedia sexy e trash italiana degli anni 70......e in più la filmografia di Pozzetto......
    fra tutti i film che hai citato ti sei dimenticata (o forse semplicemente non li hai visti) di almeno due o tre film, a mio avviso fondamentali (se non quattro perchè "Il padrone e l'operaio" non l'ho visto nemmeno io): "La poliziotta", "La patata bollente" che per me andrebbe fatto vedere a scuola e volendo anche "Fico d'India" (film con una coppia in forma come Pozzetto e Aldo Maccione e un emergente Abatantuono).
    Ciao e io piano piano continuerò a scrivermi la superbiografia sul Pozzetto!

    RispondiElimina
  3. E' vero!
    'La patata bollente', gran film: parlo sul serio... uno specchio dell'epoca.

    RispondiElimina
  4. pensando al alle varie generazioni di registi (vanzina senior e juniors), mi viene in mente una bella intervista di scarpelli che lessi qualche tempo fa...
    in quell'intervista si diceva che ciò che accomunava tanti ragazzi come lui, ragazzi che avrebbero poi dato vita a quella fantastica stagione di cinema, era un certo gusto dell'ironia maturato sotto il fascismo, una voglia di prendere in giro un regime con la sua ridicola buoncostume...
    be' ora non voglio dire che la differenza fra la commedia oggi e quella di ieri l'ha fatta il fascismo, ma in qualche sono anche loro figli del loro tempo....

    (cosa voglia dire poi, boh :)) )

    RispondiElimina
  5. @Kelvin: vero vero! Anche perché nel cinema italiano ce ne sono parecchi di esempi di figli che infangano la bravura dei padri! :D

    @Giampaolo: sempre forza Roma!!!! :D
    Eddai con la commedia trash!
    ^^

    @Kelvin: mi manca. Recupererò questa patata bollente!
    :)

    @Ivan: lei aggiunge sempre un tocco di cultura in più signor Fedorovic!

    RispondiElimina
  6. excellent articles, useful for me. keep writing and happy blogging.

    generic cialis

    RispondiElimina
  7. Belli anche "Amori miei" e "Sballato gasato completamente fuso".....

    RispondiElimina
  8. @qofaoken: Thank you! :)

    @Giampaolo: mi mancano! Oh ma te ti sei fatto una cultura su Steno!!! :))))

    RispondiElimina
  9. Diciamo che il mio sesto senso mi dice che Steno e Luciano Salce erano i migliori o tra i migliori registi della commedia comica italiana....
    ciao!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...