domenica 12 aprile 2009

RocknRolla



Dopo il disastroso “Travolti da un insolito destino...”, il geniale regista di film cult come “Lock & Stocke” e “The Snatch” sembrava naufragato per sempre.
Invece a sorpresa, otto anni dopo il suo ultimo buon film e archiviato (sarà forse un caso?) l'ingombrante matrimonio con Madonna, il Guy Ritchie che amavamo è tornato.
Gli elementi che hanno reso celebre il suo stile ci sono tutti: una Londra malfamata e brulicante di criminali di vario rango, quelli da strapazzo chiamati “Il mucchio selvaggio”, tra cui spicca OneTwo (Gerard Butler), quelli vecchio stile di cui il capo indiscusso è Lenny Cole (Tom Wilknson) e l'ondata di nuovi criminali venuti dalla fredda Russia e poi tossici, femmes fatales, humor nero e molto british, rock a volontà.
Le vicende di questa variopinta fauna criminale si intrecciano intorno a un quadro: per i russi è fortunato, per Cole uno scomodo contrattempo, per altri sarà una condanna.

Gerard Butler

L'intricato groviglio di personaggi è dipanato a poco a poco dalla regia adrenalinica e schizofrenica di Ritchie, che fin dagli spettacolari titoli di testa ci fa capire che il ritmo è tutto: il susseguirsi sincopato delle vicende incalza continuamente lo spettatore, fornendo una serie di gag e battute fulminanti, con un innalzarsi continuo e inarrestabile della suspense.
Il regista grazie al suo stile personale e riconoscibile, che strizza l'occhio a Tarantino - espressamente omaggiato in un memorabile ballo e nei dialoghi fulminanti e pregni di cinica ironia – e alla cultura pop da videoclip, ci regala diverse scene cult (su tutti l'incredibile inseguimento dei due russi inarrestabili e una delle scene di sesso più originali e divertenti della storia del cinema) e dei personaggi memorabili e perfettamente disegnati. Gerard Butler, dopo ruoli drammatici e da eroe, finalmente può rivelare al pubblico il suo grande talento comico: il suo One Two è un criminale da due soldi, che vive di espedienti, rude e gentile allo stesso tempo, affascinante e con una faccia da schiaffi per cui è impossibile non provare simpatia. Wilkinson, sempre più mefistofelico, ci regala un boss in piena regola, fornito di stile e completi eleganti e con un suo codice d'onore, così come il suo braccio destro, interpretato dal granitico Mark Strong: Archy è il soldato metropolitano esemplare, un criminale che esegue con una certa nostalgia gli ordini del capo, che ha uno stile tutto suo per schiaffeggiare gli incapaci e che sa cosa vuol dire il senso dell'onore. Tandie Newton è perfetta nel ruolo della femme fatale misteriosa e senza scrupoli, una commercialista annoiata che si diverte giocando con i criminali.

Toby Kebbell

Su tutti però spicca il giovane Toby Kebbell: il suo personaggio Johnny Quid è il cuore pulsante del film, un rockettaro cocainomane e artistoide, con manie da filosofo, pronto a disquisire, tra una canna e l'altra, dei problemi dell'umanità parlando di un pacchetto di sigarette. Allucinato, magrissimo e completamente folle incarna il concetto di “rocknrolla” all'ennesima potenza e regala alcune delle battute migliori del film.
Insomma un cast eccellente, diretto con maestria e ironia, accompagnato da una colonna sonora galvanizzante e coinvolgente, fa di “RocknRolla” un prodotto originale e divertentissimo, ironico e pulp, leggero e violento allo stesso tempo.
Un film che è già un cult e di cui già si parla di un sequel.
E di fronte al redivivo Guy Ritchie non possiamo far altro che dire: we want more!

La citazione: "People ask the question... what's a RocknRolla? And I tell 'em - it's not about drums, drugs, and hospital drips, oh no. There's more there than that, my friend. We all like a bit of the good life - some the money, some the drugs, other the sex game, the glamour, or the fame. But a RocknRolla, oh, he's different. Why? Because a real RocknRolla wants the fucking lot."

Voto: ♥♥♥♥

Uscita italiana: 24 aprile 2009

Pubblicato su Cinema4stelle.

5 commenti:

  1. A Roma purtroppo me lo persi, ma per me che ho adorato Lock & stock e The snatch (e odiato profondamente il film con Madonna), questo deve essere oltremodo imperdibile.

    RispondiElimina
  2. Te lo consiglio proprio!

    Fichissimo!

    RispondiElimina
  3. Gran bel film... è tornato il Ritchie folle adrenalinico e schizzato che mi aveva esaltato con i primi film!o

    RispondiElimina
  4. bellissimo film, anche se di quella sera al festival ricordo soprattutto il diluvio e l'impossibilità di ritornare a casa..!

    RispondiElimina
  5. Mamma mia siiii!!!!

    Ti ricordi che avevano fatto un ponte di cassette della frutta per far passare la gente ma si erano sommerse pure quelle?!

    Allucinante...

    Però il film è fantastico.
    E poi c'è Gerard quindi...

    ^_^

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...